STAR SOLAR S.R.L. - Via delle Rose 117, Nuoro Tel./fax 0784.260087
domenica 21 gennaio 2018

logo logo

Notizie
Conto energia
Cos'√® il “Conto Energia” (fonte http://www.contoenergia.it/interna.asp?pag=contributi_pubblici)

Il "Conto Energia" è il decreto che stabilisce un incentivo per 20 anni per privati, imprese ed enti pubblici che installano un impianto solare fotovoltaico (cioè un impianto che genera elettricità dall'energia solare) connesso alla rete elettrica. L'incentivo è proporzionale all'energia elettrica prodotta.

Con il Quarto Conto Energia , decreto che fissa i nuovi incentivi per il fotovoltaico, compromesso raggiunto tra il ministero dello Sviluppo economico e quello dell'Ambiente.

Gli incentivi del Quarto Conto Energia partiranno dal momento in cui i nuovi impianti fotovoltaici saranno allacciati alla rete elettrica, ma in caso di ritardi nella connessione sarà previsto un indennizzo ai proprietari degli impianti.

Uno degli aspetti principali del nuovo decreto riguarda le diverse riduzioni tariffarie che si succederanno nel corso del periodo di validità e che si sono rese necessarie in quanto il costo degli stessi pannelli fotovoltaici si è ormai ridotto rispetto agli anni scorsi. Nonostante i tagli in programma il livello delle tariffe resterà buono e garantirà sicuramente la convenienza degli investimenti negli impianti, siano essi residenziali o industriali.


TARIFFE
Quello che tutti attendevano era il quadro economico dei nuovi incentivi. Sulla scia del 3° conto energia e ispirandosi al modello tedesco, il ministero ha previsto un calo graduale delle tariffe nel corso del 2011 che tocca punte del 20% a dicembre 2011. Per questo primo periodo le tariffe sono fissate di mese in mese con una riduzione che va dai 38,7 cent al kW/h di giugno ai 29,8 cent al kW/h di dicembre per i piccoli impianti tra 1 e 3 kW sugli edifici fino a scendere all'interno di una tariffa compresa tra i 23,1 cent kW/h a giugno e i 17,2 cent al kW/h a dicembre per i grandi impianti oltre i 5 MW non realizzati su edifici.
Riportiamo di seguito le tabelle allegate al decreto che vanno comparate con quella attualmente in vigore.


CLASSI DI POTENZA Parallelamente sono state individuate anche sei classi di potenza (kWp) e per ognuna di esse è stata individuata la relativa tariffa:

- da 1 a 3 kWp,
- da 3 a 20 kWp,
- da 20 a 200 kWp,
- da 200 a 1.000 kWp,
- da 1.000 a 5.000 kWp,
- oltre 5.000 kWp (vedi tabella).




Come per il decreto precedente anche la nuova edizione del Conto Energia garantirà una tariffa incentivante per i 20 anni successivi al collegamento dell'impianto stesso, sia esso di proprietà di persone fisiche, giuridiche, soggetti pubblici o condomini.


TIPOLOGIA D'IMPIANTI INCENTIVABILI
E’ stata confermata la semplificazione delle tipologie d’impianto che potranno godere degli incentivi in:

- impianti su edifici


- impianti a terra


abbandonando la precedente classificazione fatta in base all’integrazione architettonica del sistema.
A queste classi si aggiungono le tipologie di impianti:

- integrati con caratteristiche innovative
- e impianti a concentrazione.


PREMI
Per le tipologie di impianti integrati con caratteristiche innovative e impianti a concentrazione si prevede una decurtazione annuale delle tariffe del 2% anziché del 6% oltre a una remunerazione maggiore, che varia a seconda delle dimensioni, rispetto agli impianti tradizionali.
Inoltre particolari tipi di impianti sono beneficiari di ulteriori premi aggiuntivi come gli impianti "a scambio prevedibile" che godono di un aumento del 20% sulla tariffa di riferimento.
Si tratta di installazioni che effettuano, per almeno 300 giorni l'anno, uno scambio con la rete elettrica pubblica regolato su un orario preciso.
Ulteriori bonus del 5% sono previsti invece per impiantì realizzati su edifici che siano collocati presso aree industriali, commerciali, siti contaminati, cave esaurite o aree di pertinenza di discariche, sostituzione di eternit.

Ricordiamo che non si tratta di un finanziamento in conto capitale a fondo perduto necessario per la realizzazione degli impianti, bensì di un meccanismo di incentivi che remunerano l'elettricità prodotta dagli impianti per 20 anni.

Chiariamo subito un dubbio molto comune:
l'incentivo è proporzionale all'energia elettrica prodotta, cioè l'incentivo viene pagato su tutta l'energia prodotta dall'impianto che installiamo, non soltanto su quella in eccesso che riversiamo nella rete elettrica.

L'incentivo non viene pagato dall'ENEL, ma dal GSE, il Gestore dei Servizi Energetici nazionale: il pagamento è mensile, per 20 anni.




Facciamo un esempio di quanto mi paga all'anno il GSE per un impianto da 3kW.
La remunerazione √® diversa dal Nord al Sud, perch√© lo stesso impianto da 3kW a Milano produce in un anno c.a. 3.500 kWh, mentre a Palermo, dove c'√® pi√Ļ sole, pu√≤ produrre in un anno oltre 4.500 kWh.
Pertanto, riferendoci ad un impianto su edificio, il proprietario dell'impianto di Milano ricever√† dal GSE 3.500 x 0,402 = 1.407 € all'anno, mentre il proprietario dell'impianto di Palermo ricever√† 4.500 x 0,402 = 1.809 € all'anno.

E la bolletta dell'energia elettrica?
Riprendendo l'esempio precedente, se il mio consumo annuo √® di 3.500 kWattora (chiamati "scatti" sulla bolletta), e il mio impianto produce 3.500 kWattora all'anno, la bolletta si azzera. Questo meccanismo √® definito "scambio sul posto", e si effettua con il GSE con un conteggio su base annua dei kWattora consumati e dei kWattora prodotti. Dal 2009 il GSE provvede a rimborsare direttamente il costo dell'energia elettrica pagato al proprio gestore. Se c'√® un saldo positivo (cio√® abbiamo prodotto pi√Ļ di quanto abbiamo consumato) il GSE non ci paga, ma mette a credito per l'anno successivo l'energia prodotta in pi√Ļ.

Quindi se installo sul tetto di casa un impianto fotovoltaico che produce 3.500 kWattora/anno, risparmio anche c.a. 600 € all'anno di bolletta elettrica.
L'incentivo del Conto Energia e il risparmio sulla bolletta elettrica si sommano, e in un anno guadagno a Milano 1.407 € dal Conto Energia e in pi√Ļ risparmio 600 €, e quindi, con un impianto da 3500 kwh/anno, ricavo 2.007 € all'anno. A Palermo, il mio ricavo √® di 1.809 + 600 = 2.409 € all'anno.

Vediamo allora che cosa succede in 20 anni.
In 20 anni, il guadagno del Conto Energia + il risparmio sulla bolletta sono:
(1.407 € + 600 €) x 20 anni = 40.140 € a Milano
(1.809 € + 600 €) x 20 anni = 48.180 € a Palermo

Questo ragionamento semplificato non tiene conto dei prevedibili aumenti della bolletta elettrica: se soltanto ipotizziamo un aumento medio della bolletta del 5% l'anno, le cifre precedenti diventano di oltre 46.000 € a Milano e di oltre 54.000 € a Palermo.

Quanto costa l' impianto che produce 3.500 kWattora all'anno?
Al Nord Italia per ottenere questa produttivit√† ho bisogno di un impianto da 3 kW di potenza, e il costo √® di c.a. 15.000 € IVA e installazione incluse. Come dire che con il Conto Energia ho pi√Ļ che raddoppiato il capitale investito, senza alcun rischio finanziario.
I nostri amici del Sud sono ancora pi√Ļ fortunati, perch√© hanno pi√Ļ Sole, e a loro basta un impianto da 2,34 kW per produrre la stessa energia Spenderanno c.a. 13.500 € IVA e installazione incluse: per loro il capitale salir√† di oltre il 200%.

Deducibilità 55 % IRPEF per 5 anni
La deducibilità IRPEF del 55% sugli impianti solari non è compatibile con il nuovo Conto Energia. Vedere a tal proposito l'articolo 9 par. 4 del Decreto pubblicato sulla G.U., scaricabile all'inizio in alto a questa pagina.

Come accedere alle tariffe incentivanti?
Con il nuovo decreto la burocrazia √® ora molto semplificata: non ci sono pi√Ļ graduatorie, ed √® pertanto sufficiente presentare un progetto preliminare, ed installare l'impianto fotovoltaico. Ad impianto installato e collaudato, si presenta il progetto definitivo e si richiede l'attivazione delle tariffe incentivanti.

Come posso avere la certezza di avere l'incentivo se installo un impianto?
Per ogni categoria è stato definito un limite di potenza incentivabile:

- 3.000 MW per gli impianti fotovoltaici;
- 300 MW per gli impianti fotovoltaici integrati architettonicamente con caratteristiche innovative;
- 200 MW per gli impianti fotovoltaici a concentrazione.

Superati in Italia i 2.000 MW di potenza fotovoltaica installata su tutto il territorio nazionale con il sostegno degli incentivi in Conto Energia gestiti dal GSE.
A oggi, tra primo e secondo Conto Energia, al GSE sono pervenute domande di ammissione agli incentivi per oltre 120.000 impianti in esercizio, per una potenza complessiva di circa 2.100 MW.

La Puglia, con circa 450 MW, mantiene il primato della Regione con maggiore potenza installata, mentre la Lombardia resta in testa alla classifica delle Regioni con maggior numero di impianti in esercizio (18.500), seguita dal Veneto, con 14.320 impianti.

In caso di esaurimento della disponibilità di potenza incentivabile è previsto un periodo di moratoria di 14 mesi (24 mesi per i soggetti pubblici) dalla data di raggiungimento del limite, comunicato dal GSE sul proprio sito internet.
Per conoscere dettagli e informazioni su potenza, numerosit√† e ubicazione geografica degli impianti, si rimanda all’applicazione ATLASOLE, che riporta i dati aggiornati mensilmente:
  http://atlasole.gse.it/atlasole/
 

Statistiche

Utenti : 1
Contenuti : 23
Tot. visite contenuti : 46100

Chi è online

 21 visitatori online

Copyright Starsolar S.A.S. 2011.